Archivio mensile:aprile 2012

Assicurazioni auto: prepararsi sul web per fare meno incidenti

Chi non sa che facendo incidenti aumenta l’assicurazione? Tutti, ma anche nel caso non lo sapeste ve lo diciamo noi. Oltre ai danni, c’è anche questo bruttissimo inconveniente dell’aumento della polizza, dato che l’assicurazione si trova a dover pagare per voi. Per questo motivo, in questo periodo di fortissima crisi, è meglio evitare. Come? Magari ripassando le regole della strada. Per farlo, ad esempio, si possono fare i quiz patente o i quiz patentino che si trovano online. Se prima tutto questo doveva essere fatto sui noiosissimi libri, oggi, invece, internet viene in nostro soccorso, grazie a moltissimi siti che offrono questo servizio proponendo i quiz patente, o i quiz patentino se si è in possesso di una moto, direttamente online, senza necessità di perdere troppo tempo prezioso. C’è un vero e proprio boom di questo genere di siti, perché chiunque, prima di acquistare un libro di quiz, cerca su internet qualche risorsa, magari gratuita. Tra tutti, però, ci sentiamo in dovere di indicare un sito, ossia Quizzi.it. Questo ha l’archivio più fornito tra tutti che, inoltre, è diviso in comode categorie che agevolano la ricerca e fanno risparmiare non poco tempo a chi ha voglia di mettersi immediatamente all’opera. Una dritta da non sottovalutare.

Assicurazioni auto più salate per gli extracomunitari.

 

L’ANIA, in rappresentanza delle assicurazioni, si difende dicendo che gli extracomunitari, polacchi e romeni su tutti, provocano più incidenti rispetto agli altri e per questo devono pagare assicurazioni auto più care, per far fronte alle maggiori spese. Si tratta, però, di una decisione che ha spianato la strada a non poche critiche, tanto che l’Ufficio nazionale antidiscriminazioni razziali della Presidenza del Consiglio si è espresso in merito e ha aperto anche un tavolo di tecnico per capire quelle che sono le posizioni di assicurazioni e controparti. L’UNAR ha reputato necessario scrivere una raccomandazione rivolta alle assicurazioni, nella quale si fa presente che il far pagare il 25% in più agli extracomunitari può essere lesivo della pari dignità di tutti i cittadini. Come detto, le assicurazioni hanno fatto presente che si tratta di una misura necessaria per tutelarsi, dato che cittadini di alcune nazionalità provocano un numero maggiore di incidenti e, quindi, loro devono sborsare più soldi per risarcire i danni. Nonostante tutto le polemiche su quelle che sono state definite “polizze etniche” non accennano a diminuire, mentre le compagnie assicurative si dicono ferme sulle loro posizioni, sottolineando che si veglierà sul fatto che questo non diventi un elemento di discriminazione.