Archivio mensile:novembre 2013

Le assicurazioni italiane ed il mercato internazionale

A livello internazionale, per l’anno 2011 la raccolta premi ha segnato un decremento pari allo 0.8% determinato dalla crisi economica che attanaglia tutta l’Europa ed in particolare quella occidentale. Fra le nazioni dove si è registrato un calo della raccolta dei premi assicurativi vi è anche l’Italia, la Spagna ed il Portogallo; migliora invece la condizione di altri Paesi,come quelli dell’America latina e del Giappone.
Nel campo dell’assicurazione, la situazione è quindi più florida per gli stati emergenti mentre, per gli Stati Uniti, le previsioni indicano un lento miglioramento; la situazione resta problematica per l’Europa occidentale dove perdura ancora lo stato di crisi. Per quanto riguarda il 2012, la raccolta di premi relativa a 15 Paesi dell’Unione Europea ha evidenziato un dato positivo pari all’1.4%; questo aumento è determinato da un innalzamento dei premi registrato in Finlandia, col 9.9%, nel Regno Unito, con il 15.2%, e in Germania, con il 4.2%. Invece, per quanto riguarda l’Italia, l’assicurazione ha subito un crollo pari al -4.6% e la Francia pari al -4.1%.
Se si esamina il settore dell’assicurazione relativo al ramo vita, si nota un incremento pari all’1.3%; questo fenomeno è stato determinato da un aumento dei premi in alcuni Paesi come la Finlandia, il Regno Unito e la Germania che è cresciuta del 5.0%. Anche il settore danni è in crescita, rispetto al 2011; l’innalzamento registrato si attesta all’1.4% e i risultati migliori sono quelli conseguiti dal Regno Unito, dalla Spagna e dalla Francia a cui seguono Belgio e Germania con un aumento del 3.4%.
Analizzando il rapporto esistente fra il PIL dei vari Paesi e la raccolta dei premi, si è evidenziata una notevole differenza fra il ramo vita ed quello danni; l’indagine è stata svolta per il periodo temporale compresa fra il 2010 ed il 2012.
Per quanto riguarda l’assicurazione vita durante i tre anni, è stato sottolineato un crollo del settore che ha interessato l’Italia che è passata dal 5.8% al 4.55; in discesa anche la Francia che è passata dal 7.4% al 5.6%; situazione analoga anche per l’Olanda che nel 2010 si attestava al 3.7% mentre nel 2012 è passata al 3.0%. La Spagna, dopo la crescita del 2011, subisce un decremento passando dal 2.7% al 2.5%. Invece, l’assicurazione vita conosce un trend positivo in Germania dove si passa dal 3.25 al 3.35 del 2012 ed il Regno Unito che arriva al 9.3% del 2012.
La situazione è invece differente per quanro riguarda le riserve matematiche ed in particolare il rapporto esistente fra queste ed il PIL. Nel nostro Paese, si è evidenziato un miglioramento infatti si è passati dal 26.25 del 2011 al 27.0% del 2012; questo dato, pur essendo ancora più basso rispetto a quelli di altre nazioni, tranne che per la Spagna, è comunque un segnale importante per tutto il settore dell’assicurazione.
La Spagna ha comunque segnato un lieve miglioramento infatti, è passata dal 14.5% al 14.9%; anche per l’Olanda si osserva un incremento che la porta a raggiungere il 50.9% per il 2012. Il risultato migliore è stato raggiunto dal Regno Unito che è ha sfiorato il 92.0%.
L’assicurazione danni, nel nostro Paese, è ancora un settore poco sviluppato. Nel 2012 l’Italia è stata la nazione con il rapporto più basso fra PIL e premi; questo divario è particolarmente evidente se si esamina la situazione degli altri stati europei. In Italia, il rapporto si è attestato al 2.3%, confermando il dato ottenuto anche nel 2011 e nel 2010; invece, è cresciuto il rapporto della Francia e della Germania che ha raggiunto il 3.6%.

Arriva Falco 193, il primo autovelox che stana le auto senza tagliando assicurativo

È arrivato sulle strade italiane il primo autovelox per le assicurazioni auto, un autovelox di nuova generazione che ha un funzionamento davvero molto semplice ed efficace e che ci offre l’opportunità finalmente di rendere le strade più sicure eliminando dalla circolazione tutte quelle automobili che sono prive di tagliando assicurativo.

Sai quanto puoi risparmiare sulla tua assicurazione auto? Provate a fare un preventivo gratuito e ricordatevi poi di salvare il preventivo in modo da poterlo poi confrontare con gli altri
Oggi puoi in 1 minuto confrontare rapidamente 18 assicurazioni e trovare la meno cara! Ricordate poi di salvare il preventivo, così lo avrete sempre a portata di mano

Ti potrebbe interessare anche questo articolo per approfondire l’argomento:
Liberalizzazione: il mercato assicurativo italiano apre le porte alle compagnie estere

Risparmia sulla tua assicurazione restando informato: fai MI PIACE e consiglia agli amici!

Il suo nome? Falco 193, dal numero dell’articolo del Codice della Strada italiano che afferma che tutte le auto in circolazione devono necessariamente essere coperte da un’adeguata polizza.

Ma perché un autovelox di questa tipologia risulta necessario? La risposta a queta domanda è davvero molto semplice, perché ad oggi si contano oltre 4 milioni di auto che circolano senza la copertura assicurativa. Questa tendenza sempre più diffusa non solo è contro la legge, ma è anche deleteria per tutti. Contribuisce infatti a rendere le strade italiane ancora più pericolose e non permette a coloro che subiscono un incidente di ricevere il giusto risarcimento.

Falco 193 lavora con il supporto di due pattuglie della polizia stradale, una che controlla le targhe attraverso il database e l’altra che riceve i risultati su un tablet e interviene nel caso il sistema segnali la mancanza dell’assicurazione auto.

Sai quanto puoi risparmiare sulla tua assicurazione auto? Provate a fare un preventivo gratuito e ricordatevi poi di salvare il preventivo in modo da poterlo poi confrontare con gli altri
Oggi puoi in 1 minuto confrontare rapidamente 18 assicurazioni e trovare la meno cara! Ricordate poi di salvare il preventivo, così lo avrete sempre a portata di mano

Ti potrebbe interessare anche questo articolo per approfondire l’argomento:
Liberalizzazione: il mercato assicurativo italiano apre le porte alle compagnie estere

Risparmia sulla tua assicurazione restando informato: fai MI PIACE e consiglia agli amici!

 

Un funzionamento semplice che riesce a stanare anche coloro che sono in possesso di un tagliando assicurativo fasullo. Falco 193 lavora ovviamente basandosi sul database dei veicoli assicurati presenti sul sito internet dell’Ania, l’Associazione cioè Internazionale delle Imprese Assicurative.

Se pensate che questa idea sia venuta in mente ad esperti del settore vi sbagliate, l’idea infatti è di tre giovani ragazzi di un paese della provincia di Lodi, Casalpusterlengo. I giovani lo hanno ideato e progettato e poi hanno proposto questo loro innovativo progetto al sindaco del loro paese, idea che è stata subito realizzata e fatta scendere in gioco. Vista la semplicità del sistema e l’efficienza di questo autovelox siamo certi che a breve troverà spazio anche sulle strade di altri comuni italiani.

Sai quanto puoi risparmiare sulla tua assicurazione auto? Provate a fare un preventivo gratuito e ricordatevi poi di salvare il preventivo in modo da poterlo poi confrontare con gli altri
Oggi puoi in 1 minuto confrontare rapidamente 18 assicurazioni e trovare la meno cara! Ricordate poi di salvare il preventivo, così lo avrete sempre a portata di mano

Ti potrebbe interessare anche questo articolo per approfondire l’argomento:
Liberalizzazione: il mercato assicurativo italiano apre le porte alle compagnie estere

Risparmia sulla tua assicurazione restando informato: fai MI PIACE e consiglia agli amici!