Archivio dell'autore: admin

5 consigli per iniziare a fare trading

Il trading non è altro che la speculazione sull’andamento di un determinato asset (un’azione, un indice azionario o una coppia di valute) senza tuttavia doverlo acquistare fisicamente.

Quest operazione è resa possibile grazie a società chiamate Broker che mettono a disposizione dei propri clienti una particolare tipologia di contratto, detto CFD (letteralmente: contratto per differenza).

I due termine che non dovete mai dimenticare, e che sono alla base di questo tipo di contrattazione, sono Long e Short. Il primo indica quando stiamo scommettendo in favore di un rialzo del valore di un certo asset; il secondo invece fa riferimento ad un andamento negativo. 

Un terzo elemento da tenere in considerazione è la leva finanziaria. Grazie alla leva finanziaria potrete investire decine di migliaia di euro con un capitale di poche centinaia. 

Per quanto questo sistema possa sembrare uno strumento fantastico per fare tanti soldi in pochissimo tempo, è al tempo stesso pericolosissimo per chi non ne capisce le dinamiche e decide di investire senza un’adeguata formazione.

Per questo motivo vogliamo darvi dieci consigli, utili per chi è alle prime armi e ha deciso di entrare nel mondo degli investimenti in CFD.

Vediamoli insieme.

  1. Lo stop loss: a causa della leva finanziarie potresti perdere tutto il tuo capitale in pochissimo tempo. Per questo motivo esiste lo stop loss. In poche parole, nel momento in cui decidete di investire sull’andamento di un asset avete la possibilità di decidere una perdita massima. Nel caso in cui il mercato non si muova nella direzione sperata al raggiungimento di questa soglia uscirete in automatico dal mercato, salvando il vostro capitale.
  2. Obiettivi chiari e realisti: l’idea di diventare ricchi in pochi giorni è sicuramente un sogno. Quello che dovete fare è definire degli obiettivi ben precisi per la vostra attività di trader e soprattutto realistici. Questo vuol dire che vi dovrete impegnare per ottenere guadagni settimanali, mensili e annuali.
  3. Diversificazione: si sa, nel mondo della finanzia la parola magica è “diversificazione”. Diversificare significa investire in asset anche molto diversi tra loro. In questo modo se qualche investimento dovesse affrontare un periodo negativo inaspettato potrete contare su altre tipologie di mercato più fiorenti. 
  4. La formazione: prima di operare seriamente sui mercati finanziari il nostro consiglio è quello di studiare tanto. In tutti i campi della vita se volete ottenere dei risultati dovete impegnarvi ed esercitarvi. Il trading non fa differenza. 

Il titolo di questo articolo è “5 consigli per iniziare a fare trading”, tuttavia l’elenco è composto solo da quattro punti. Il motivo è che il quinto elemento che vogliamo sottolineare è probabilmente il più importanti di tutti e merita senza dubbio un paragrafo a parte. Il broker.

Purtroppo, in rete esistono decine di broker poco affidabili che non hanno nemmeno la licenza per operare.

Prima di iniziare, fate una ricerca per capire quale piattaforma fa al caso vostro, e solo allora iniziate a investire. A tal proposito noi ci sentiamo di consigliarvi Fxgm, broker affidabile che rispetta tutta la regolamentazione Consob vigente in Italia. 

Se ti interessa leggere recensioni ed opinioni di consigliamo di leggere questi articoli di approfondimento:

FXGM.COM – Interfaccia semplice e veloce per i tuoi investimenti

FXGM: l’evoluzione del trading online anche per inesperti

Fxgm è una piattaforma trading che mette a disposizione dei propri clienti moltissimi strumenti per operare al meglio, compresa un’intera sezione dedicata alla didattica. Fxgm non è una truffa come molti broker che troverete in giro per il web, al contrario è una società all’avanguardia che ti permette di fare trading dal telefono grazie alla “Fxgm app”.

Boom del noleggio auto a lungo termine: 50mila contratti nel 2019

Il mercato dell’auto va in contro a ciclici periodi di flessione, ma nel 2019 uno specifico segmento ha visto un’impennata sorprendente: il noleggio dell’auto a lungo termine. Roma, come pure Milano, Napoli e tutte le grandi città sono i centri nevralgici di questo trend: il traffico, gli spostamenti, la popolazione sono maggiori e di conseguenza è maggiore la necessità di soluzioni alternative ed evolutive di mobilità.

Nell’ultimo decennio c’è stato un netto calo delle vendite di automobili a persone sotto i 30 anni, ciò significa che i giovani hanno scelto soluzioni di mobilità alternative. Al tempo stesso le società di noleggio auto a lungo termine a Roma e in tutte le altre grandi città registrano, invece, un netto aumento dei contratti in particolar modo per i privati non possessori di partita IVA. Se fino a qualche anno fa l’auto a noleggio – e prima ancora il leasing – era ad esclusivo appannaggio di titolari di partita IVA e aziende, per mere ragioni fiscali che consentivano le detrazioni per questi soggetti.

Nel frattempo la società è cambiata sia da un punto di vista sociale che economico, pertanto le offerte delle agenzie di noleggio auto a lungo termine a Roma (come velsus.it) e nelle metropoli offrono formule altamente compatibili con le possibilità dei lavoratori: innanzitutto, il requisito della partita IVA è sparito, c’è un canone mensile fisse che include tutto, le automobili fornite sono l’ultimo modello di ogni marca quindi le più performanti, tecnologiche, ecologiche e sicure del panorama automobilistico corrente. Queste sono le ragioni che hanno spinto alla stipula di cinquantamila contratti di autonoleggio a lungo termine nel 2019, e l’anno non si è ancora concluso.

Del resto, come confermato dallo studio Aniasa – l’associazione di categoria di riferimento per l’autonoleggio e i servizi automobilistici – le formule “tutto incluso” e il canone fisso prestabilito, senza sorprese o ulteriori oneri, hanno conquistato la fiducia degli italiani. Il noleggio auto a lungo termine a Roma e in tutta Italia risulta convenienti per chi percorre tra i 10.000 e i 25.000 km l’anno, perché permette di ammortizzare al meglio il canone mensile che si può aggirare tra i 250 e 300 euro (IVA inclusa) per un’utilitaria o una monovolume.

I risparmi sono notevoli: dal mancato esborso di risparmi in un’unica soluzione, al tempo risparmiato per tutte le pratiche burocratiche, ai costi imprevisti in caso di guasti, alla possibilità di soccorso stradale e auto sostitutiva. Le formule tutto incluso sono soluzioni “senza pensieri”, per così dire: tolgono i pensieri, le preoccupazioni e le incombenze del possedere un bene mobile, lasciando inalterata la possibilità di disporre di una vettura per tutti gli spostamenti quotidiani necessari. Ovviamente, è necessario avere le idee chiare riguardo al tipo di vettura e necessità chilometrica, ai servizi aggiuntivi necessari, la possibilità di pagare mensilmente e di lasciare una sorta di caparra/anticipo. Aiuta a chiarirsi le idee anche il mettere nero su bianco le uscite previste – o magari già affrontate in passato – per l’acquisto di una nuova vettura: tra bolli, assicurazione, immatricolazione, tagliandi periodici, manutenzione ordinaria e straordinaria, gomme, nonché il carburante e i costi affrontati in termini di spesa o di mancato lavoro nei giorni in cui non è stato possibile utilizzarla perché in officina o rotta. Va da sé che pagare un canone prestabilito – senza sorprese o costi nascosti – per 36 o 48 mesi è la soluzione per evitare spese eccessive e, soprattutto, spiacevoli sorprese: il noleggio auto a lungo termine a Roma e in tutte le altre città italiane si è affermato perché garantisce “tranquillità”, è un servizio affidabile che azzera l’imprevedibilità che si ha nel possedere un mezzo di trasporto proprio. Maggiormente a Roma o nelle metropoli, dove già la statistica non aiuta.